IN LIBRERIA

«La manipolazione consapevole e intelligente, delle opinioni e delle abitudini delle masse svolge un ruolo importante in una società democratica, coloro i quali padroneggiano questo dispositivo sociale costituiscono un potere invisibile che dirige veramente il Paese.

Noi siamo in gran parte governati da uomini di cui ignoriamo tutto ma che sono in grado di plasmare la nostra mentalità, orientare i nostri gusti, suggerirci cosa pensare».

 

(Edward BERNAYS)

 

Scriveva così nel lontano 1928 Edward Bernays, il fondatore delle Pubbliche Relazioni e l’ideologo degli attuali spin doctors. Nel suo saggio Propaganda, Bernays spiegava che un “governo invisibile” manipola, le opinioni, le abitudini e le scelte dei cittadini, lasciando a costoro l’illusione di essere liberi. In democrazia, ai metodi repressivi, il potere preferisce affiancare la manipolazione “dolce” volta a plasmare l’immaginario delle masse e a orientarne il consenso, tramite la propaganda, l’ingegneria sociale e il controllo dei media e dello spettacolo.

Un potere nascosto ha infatti la possibilità di manipolare quasi alla perfezione i sentimenti e la mentalità di massa senza dare l’impressione di farlo, controllare i popoli entrando nel loro immaginario e riprogrammandone le coscienze.

 

La propaganda e l’ingegneria sociale non servono solo a plasmare l’opinione pubblica e a eterodirigere il consenso, ma tendono anche a creare un essere umano omologato, intercambiabile e unidimensionale, che pensa e agisce come tutti gli altri: un clone tra i cloni che sia talmente svuotato e spersonalizzato da seguire passivamente le scelte imposte dal Sistema.

 

«L’erosione della democrazia avviene svuotando progressivamente da un lato le nazioni del proprio potere e della propria sovranità, dall’altro facendo diventare tutti noi dei soggetti passivi, dei meri consumatori».

 

Al paradigma della violenza tipico del XX secolo, si è sostituito il paradigma del controllo sociale, radicato nei falsi bisogni che sono stati indotti nelle nuove generazioni. Si è imposta una nuova forma di potere, una nuova forma di capitalismo che non si accontenta di automatizzare i flussi di informazioni, ma mira ad automatizzare gli stessi individui. Siamo ormai immersi in una gabbia elettronica e digitale che non ci abbandona mai.

 

Dopo il successo di Governo Globale e Unisex, gli autori Enrica Perucchietti e Gianluca Marletta tornano ad approfondire le tappe ideologiche del mondialismo, spiegando gli influssi e le tecniche di condizionamento utilizzate dal potere, con la versione aggiornata, ampliata e in 4D de La fabbrica della manipolazione.

 

Conoscere le regole auree dell’ingegneria sociale può aiutare a difendersi dalla manipolazione e a immunizzarsi dai tentativi di controllo e riprogrammazione mentale. Per resistere alla dittatura del pensiero unico e tornare a esercitare la propria coscienza critica.

VISITA IL MIO BLOG:

IN LIBRERIA E ON LINE

Visita il mio blog per rimanere aggiornato e leggere i miei articoli